Quale iter occorre seguire per tutte le attività soggette al controllo VV.F. classificate in ”Categoria A” ?

Per tutte le attività soggette al controllo VV.F. classificate in categoria A dovrà essere preventivamente redatto un progetto antincendio a cura di professionista abilitato (progetto da non sottoporsi a preventiva valutazione VV.F.), sulla base del quale potranno direttamente essere realizzati i lavori.
A lavori ultimati dovrà essere presentata presso il Comando Provinciale Vigili del Fuoco di competenza la S.C.I.A. Antincendio a cura del titolare dell’attività con i seguenti allegati:

  • Progetto antincendio;
  • Asseverazione da parte di un professionista abilitato attestante la conformità dello stato di fatto al progetto antincendio;
  • (eventuali) certificazioni della resistenza al fuoco delle strutture portanti e separanti a firma del professionista antincendio;
  • (eventuali) certificazioni dei prodotti impiegati ai fini della reazione e resistenza al fuoco a firma del professionista antincendio;
  • (eventuali) dichiarazioni di conformità degli impianti;
  • (eventuali) certificazioni della prova di funzionalità degli impianti a firma del professionista antincendio

A seguito del ricevimento della S.C.I.A. Antincendio i Comandi Provinciali VV.F. avranno la facoltà di effettuare a campione un sopralluogo presso l’attività al fine di verificare la conformità dello stato di fatto con quanto dichiarato. In caso di esito positivo verrà rilasciato un verbale di sopralluogo che equivarrà all’autorizzazione all’esercizio dell’attività.




Torna su