maniglione giallo

Maniglioni antipanico con marcatura CE

Il D.M. 3 novembre 2004, recante “Disposizioni relative all’installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l’apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza antincendio”, aveva già abolito l’uso dei maniglioni antipanico sprovvisti di marcatura CE fissando anche un termine per la sostituzione di tutti i dispositivi che ne fossero sprovvisti.

Il D.M. 6 dicembre 2011 aveva poi rinviato questo termine al 18 febbraio 2013. Oggi, dato che sono ancora molte le attività che devono adeguarsi a queste disposizioni, raccomandiamo di prestare prudenza rispetto ad aziende che si propongono per la sostituzione dei MAP con offerte eccessivamente economiche e predisposte senza prima avere acquisito tutte le informazioni necessarie.

Con questa informativa si desiderano fornire alcuni consigli pratici che potranno risultarVi utili per la gestione del problema.

Innanzitutto occorre chiarire che la scelta del tipo di maniglione che può essere installato su una porta esistente comporta una serie di verifiche preventive.

Indichiamo di seguito, a mero scopo informativo, le informazioni che devono essere acquisite per l’individuazione del tipo di MAP corretto:

  • Produttore e modello: dove possibile l’utilizzo di un MAP avente produttore e modello (nuova serie) identico a quello esistente, benchè non sia sempre indispensabile, assicura la massima compatibilità tra il serramento esistente e il nuovo MAP, minimizzando in tal modo il tempo ed i costi per la posa e riducendo il rischio di accrocchi e aggiustamenti vari improvvisati dall’installatore.
  • Installazione su porta REI o su altro tipo di porta: quando non è possibile conoscere il modello esatto di MAP, deve essere indispensabilmente specificato il tipo di porta su cui deve essere installato il dispositivo. A questo proposito Vi ricordiamo che i MAP devono essere installati sulle porte che insistono sulle vie di esodo (indipendentemente dalla loro resistenza al fuoco); questo non significa, tuttavia, che tutte le porte REI debbano essere dotate di maniglione antipanico.
  • Il numero dei punti di chiusura dello scrocco: esistono maniglioni antipanico che hanno diversi punti di chiusura, ovvero:
    • solo un punto di chiusura centrale;
    • due punti di chiusura verticali, in alto e in basso;
    • tre punti di chiusura: nel punto centrale, in alto e in basso (verticali);
    • tre punti di chiusura laterali: nel punto centrale, in alto e in basso.
  • Le dimensioni complessive dell’anta: seppure la lunghezza dei maniglioni antipanico può essere adattata durante l’installazione, è bene verificare la larghezza dell’anta (se maggiore di 120 cm) e la sua altezza (solo nel caso in cui sono previsti punti di chiusura degli scrocchi in alto e in basso);
  • Le caratteristiche dell’interfaccia della serratura sul lato esterno: occorre verificare se sul lato esterno è presente una maniglia e se questa è di tipo apribile o di tipo fisso;
  • In caso di porte/portoni a due ante occorre verificare anche le caratteristiche del MAP dell’anta secondaria;
  • Le caratteristiche derivanti dal luogo di installazione: la forma e i materiali del maniglione antipanico che deve essere installato potrebbero essere condizionati da un serie di fattori che riguardano il luogo di installazione; ad esempio occorrerà verificare se il maniglione deve essere installato su una porta soggetta ad un intenso passaggio di persone e/o se nei locali vengono effettuate lavorazioni particolari e/o che presuppongono l’utilizzo di sostanze chimiche aggressive.

La quantità ed il tipo di informazioni che devono essere acquisite presuppongono che per la predisposizione di un’offerta attendibile le aziende interpellate effettuino un sopralluogo accurato per la verifica di tutti i maniglioni antipanico che devono essere installati. Nei casi più semplici e con un numero ridotto di MAP da sostituire potrebbe essere sufficiente inviare alle imprese un buon numero di fotografie (almeno una per ciascun maniglione da sostituire).

In ogni caso Vi suggeriamo nuovamente di prestare attenzione a preventivi particolarmente economici rispetto alla concorrenza e comunque a tutti i preventivi formulati da parte di aziende che non si sono preventivamente dotate di tutte le informazioni necessarie.

Il rischio in cui si potrebbe incorrere in questi casi è quello di vedere lievitare considerevolmente i costi a consuntivo rispetto alle cifre preventivate. E’ possibile, inoltre, che a seguito di un’installazione di maniglioni antipanico malamente effettuata, i serramenti presentino difficoltà di apertura o vistosi difetti che potrebbero incidere sia sulla funzionalità che sull’estetica del serramento.

Per ulteriori informazioni I nostri tecnici sono a Vs. disposizione per fornirVi tutto il supporto necessario.

Scarica il PDF dell’informativa n° 11 – Maniglioni antipanico




Torna su