I principali vantaggi introdotti dalla nuova regola tecnica per la progettazione antincendio dei negozi

Ad un anno dalla sua entrata in vigore, iniziano ad apprezzarsi i vantaggi introdotti dalla regola tecnica verticale per i negozi (RTV.8), tant’è che nella presentazione dei progetti ai Comandi Provinciali questa norma trova sempre maggiore applicazione.

 

Con la nostra precedente informativa Vi abbiamo presentato il contenuto della prima Strategia Antincendio (S1) introdotta dalla RTV.8 e riferita alla reazione al fuoco dei materiali.
Vi anticipiamo con una brevissima sintesi le principali novità introdotte da questa norma; nelle prossime tappe di questo viaggio, passeremo in rassegna tutte le strategie antincendio previste.
 
S1 – Reazione al fuoco
La reazione al fuoco degli arredi, dei mobili imbottiti e dei tendaggi deve essere garantita solamente all’interno degli spazi destinati alle vie di esodo.
S2 – Resistenza al fuoco
Per attività fino a 3.000 m², interamente collocate al piano terra e in edifici destinati esclusivamente al commercio, è ammessa la classe REI 15, fatta salva la verifica del carico di incendio.
S3 – Compartimentazione
I depositi fino a 200 m² e con carico di incendio fino a 600 MJ/m² non necessitano di alcuna compartimentazione rispetto all’area vendita.
È consentita, inoltre, la comunicazione tramite filtri a prova di fumo tra le attività commerciali fino a 1.500 m² inserite ai primi livelli dei condomini residenziali e i vani scala condominiali.
S4 – Esodo
In linea generale vengono aumentate le lunghezze massime ammissibili per i percorsi di esodo e, sotto particolari condizioni, viene consentito di includere tra le vie di esodo anche le scale e i marciapiedi mobili.
S5 – Gestione della Sicurezza Antincendio
Il locale riservato al “centro di gestione delle emergenze” deve essere previsto solo all’interno dei grandi complessi commerciali.
S6 – Controllo dell’incendio
Nelle aree vendita con carico di incendio inferiore a 600 MJ/m², inserite in attività con superficie inferiore a 1.500 m², non è necessario prevedere idranti e naspi.
S7 – Rivelazione e allarme
Per attività fino a 1.500 m², con carico di incendio inferiore a 600 MJ/m² o inserite in edifici mono-piano, non è specificatamente previsto un sistema di rivelazione fumi.
S8 – Controllo di fumi e calore
I depositi ubicati al piano terra, con superficie inferiore a 25 m², con carico di incendio inferiore a 600 MJ/m² e che non contengono sostanze o lavorazioni pericolose, non necessitano di alcun sistema di areazione.
S9 – Operatività antincendio
Per alcune attività è stata introdotta la possibilità di prevedere la “colonna a secco” in sostituzione della tradizionale rete idranti.
S10 – Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio
Per la produzione del freddo alimentare o per il raffrescamento degli ambienti, è stata introdotta la possibilità di utilizzare gas refrigeranti classificati A2L (leggermente infiammabili).
 
Per evidenti ragioni di sintesi, questa informativa non può essere considerata esaustiva; invitiamo pertanto il lettore interessato a consultare direttamente la norma RTV.8, o più comodamente a contattarci.




Torna su